I Padri del Monastero di Camaldoli, impegnati attivamente da molti anni nel dialogo inter-religioso e nell?integrazione di vie spirituali di diverse tradizioni parteciperanno con incontri e meditazioni al programma del ritiro
Una nuova e stimolante esperienza alle sorgenti dello yoga
Sessione di laurea all'universita' di Parma
Umbria: ad Assisi congresso internazionale Yoga dal 29 marzo a 1 aprile
Affettuosi saluti e ferventi auguri giungano a voi e a tutti coloro che partecipano nella Santa Assisi a questo primo Congresso Internazionale di Sarva Yoga sullo Yoga Tradizionale
A nome della Self-Realization Fellowship/Yogoda Satsanga Society of India porgo un caloroso saluto a voi che venite da tutte le parti del mondo
Un messaggio di auguri da Swami Chidanand Saraswati
La pillola che e' "andata giu'" grazie alla curcuma e' stata quella della saggezza, profusa a piene mani dai molti personaggi che ci hanno onorati della loro presenza
Il presidente di Sarva Yoga International Antonietta Rozzi e' stata invitata alla cerimonia ufficiale organizzata dal Governo Indiano e dalle Nazioni Unite
Per 15 giorni immersi nell'atmosfera degli ashram di Rishikesh a diretto contatto con gli eredi dei maestri
Una storiella semplice semplice e molto profonda... L'abbiamo ascoltata dalla dolcissima voce di Mataji
Resoconto del viaggio in India in occasione del secondo Congresso mondiale di Sarva Yoga

Lettera di Swami Chidananda per il primo Convegno mondiale di Sarva Yoga di Assisi
Swami Chidananda

 

Benedette anime immortali!
Cari e stimati Eros e Antonietta.
Affettuosi saluti e ferventi auguri giungano a voi e a tutti coloro che partecipano nella Santa Assisi a questo primo Congresso Internazionale di Sarva Yoga sullo Yoga Tradizionale. Vadano le mie preghiere all’Onnipotente e al venerabile Divino Maestro Swami Sivananda, che fu Egli stesso un grande Yogi, per benedire tutti gli ospiti e gli organizzatori, affinché possano mettere in pratica lo Yoga come il vero modo di vivere le attività di ogni giorno.
Lo Yoga non è semplicemente un esercizio per allungare il corpo. Ma comincia da lì e poi  porta lontano, verso la perfezione. Lo “Yoga di Patanjali” è il più sistematico di tutti gli Yoga. Contiene aspetti sia etici che spirituali ( otto di numero) e fornisce le pratiche per ritirare la mente dal mondo esterno, disciplinandola rispetto alle sue abitudini di indugiare su piaceri e felicità esteriori, perché il suo scopo è il massimo della felicità, il Samadhi. Ed è la felicità più elevata quella che culmina nell’ultimo gradino chiamato Samadhi, nello Yoga dalle otto membra di Patanjali.
La diffusione e l’insegnamento dello Yoga è l’occupazione più elevata che un uomo possa intraprendere. Perché questo è ciò che tutta l’umanità cerca, e tuttavia non trova, in quanto non sa che la felicità è all’interno e il godimento dei sensi è qualcosa di esteriore. Questo godimento deriva dagli oggetti terreni che sono necessariamente limitati  e portano a delle reazioni. Ad esempio, se un giorno mangiate troppo perché il pranzo è molto gustoso, poi finite con l’avere mal di stomaco. I godimenti del mondo provocano tutti delle reazioni. Il Samadhi è la sola perfetta Beatitudine, perché l’anima individuale si trova immersa nella Beatitudine che non è di questo mondo, ma dell’Essere Divino.
Ricordo molto bene le  volte in cui siete venuti in India a visitare l’Ashram del venerando Maestro. Il vostro gruppo era colmo di entusiasmo per questa Santa atmosfera sulle rive del Gange, il Fiume Sacro.
Possa la Divina Grazia di Dio e le  migliori benedizioni del Santo Maestro Swami Shivananda scendere su tutti i devoti e ospiti che partecipano a questo congresso!
Possano le Divine Benedizioni dell’Altissimo Signore scendere su di voi, sul vostro intero team di lavoratori volontari e assicurare a tutti voi buona salute, felicità, pace della mente e successo nei vostri intenti. Possa questo congresso essere un pieno successo!

Che Dio vi benedica
Cordiali saluti con amore e Om

Vostro ai piedi del Santo Maestro Swami Shivananda

Swami Chidananda